fbpx

Public Speaking: Parlare in pubblico senza sbavature. 3 utili suggerimenti.

Ho deciso di darvi questi 3 utili suggerimenti per parlare in pubblico
in maniera più efficace e senza sbavature,
in base alle domande più frequenti che mi vengono fatte durante i nostri corsi di Volontà di cambiare.

1. Come rendo la mia voce più dinamica?

Pensiamo a quando raccontiamo una storia 📖📖 ad un bambino: facciamo diverse voci, usiamo alti e bassi, mettiamo enfasi…
Quando siamo davanti a tanta gente è la stessa cosa!
Accattiviamola, incuriosiamola, rendiamola partecipe del messaggio che stiamo comunicando mettendo energia, stupore in ciò che diciamo, cambiando anche semplicemente le parole che usiamo.
Per esempio se una cosa è caduta velocemente, diciamo che è precipitata;
oppure se una cosa è davvero grande non usiamo semplicemente grande, ma enorme; e così via..
(Naturalmente tutto ciò sempre in base al messaggio che vogliamo comunicare)

2. Come muovo il corpo?!

Generalmente mi fanno questa domanda:
Perché ci sono delle persone che rimangono incollate al leggio e altre che si muovono da una parte all’altra del palco in modo strano?
Il mio consiglio è quello di pianificare, in base a ciò che state dicendo, il vostro spostamento sul palco.
Ad esempio:
Inizio a parlare e sono vicino al leggio.
Poi quando voglio rivolgere una domanda alla platea mi allontano dal leggio e vado a sinistra del palco e dopo aver posto la domanda aspetto la risposta.
Solo allora riguadagno il centro del palco per interloquire con tutto il gruppo.

3. Come faccio con il contatto visivo? Devo guardare qualcuno negli occhi? Faccio uno Scan del gruppo, scelgo una sola persona per parlare?

contatto visivo
Il contatto visivo è un’opportunità per te per avere un contatto con le persone a cui ti rivolgi e capire se il messaggio gli è arrivato così come volevi.
Molte volte ciò che ci fa sentire ansiosi quando parliamo in pubblico è sentirsi al centro dell’attenzione, in balìa del giudizio di chi ci sta ascoltando.
E se, invece, iniziassimo a guardare l’uditorio come osservatori e non come osservati?!
Beh, sicuramente le cose migliorerebbero!!
Per fare ciò rivolgiamo il nostro sguardo a tutti (se sono molti, un segreto è quello di guardare le persone sedute in fondo alla platea, così si sentiranno davvero tutti coinvolti);
ma mi raccomando “non sei una fotocopiatrice”📠📠, evita di fare uno scanner veloce!
Nota bene questi sono solo 3 personalissimi suggerimenti, 3 accortezze che ti possono tornare molto utili davanti al tuo uditorio, ma non dimenticare di fare sempre attenzione al contesto e di fare in modo che il tuo linguaggio non verbale sia sempre congruente con il messaggio che stai trasmettendo.
Inoltre, ricorda che essere preparati è alla base di una presentazione eccellente quindi esercitati,
prova e riprova il tuo speech guardandoti allo specchio, facendo attenzione ai movimenti, alla gestualità e se sai di dover usare un microfono prova anche solo tenendo una spazzola in mano…
Insomma fai “come se”
Non vorrai mica che quando ti troverai a parlare davanti alla platea sia la prima volta?! 😜😜

Leave a comment